Le Bande di Bollinger spiegate passo a passo

Le Bande di Bollinger sono degli ottimi strumenti per il trading in quanto forniscono una gran quantità di informazioni in un unico indicatore. In sostanza, i Bollinger Bands ti possono aiutare in almeno 3 cose importanti:

  1. La misurazione della volatilità
  2. L’identificazione degli alti e dei bassi
  3. La segnalazione della forza di un trend

Nell’articolo che segue, parleremo di come utilizzare i Bollinger Bands e di cosa comporti il loro utilizzo sui tuoi grafici.

L’unica cosa che nessuno ti ha detto finora sui Bollinger Bands

Ma prima di entrare in merito sul come usare i le Bande di Bollinger, dobbiamo parlare di uno dei fattori meno conosciuti sui i Bollinger Bands e del perché molte persone li fraintendono.

I Bollinger Bands usano i prezzi di chiusra. Quindi, i Closing Prices sono più importanti degli high/low o dei mid-candle prices. Quando un indicatore attraversa un Bollinger Band, non genera alcun segnale o allarme. Solo quando un candle chiude al di là di un Bollinger Band, questo genera un segnale. Quando andremo ad identificare gli high ed i low, tratteremo questo argomento più nel dettaglio.

Misurazione della volatilità

Cos’è la volatilità? Prima di analizzare la volatilità, dobbiamo conoscerne il significato. Molti traders ad esempio, fanno l’errore di considerare la volatilità come una sorta d’indice della forza di un trend. La volatilità descrive in che modo il prezzo cresce o diminuisce in relazione al prezzo medio. Quindi se vedi molte candles che vanno su e giù, la volatilità è alta. Di conseguenza, quando invece vedi delle candles che non hanno differenze significative tra loro, allora la volatilità è bassa. È importante che tu capisca cosa è la volatilità e che essa non è un indice per definire la forza di un trend.

Bande di Bollinger Bands e la volatilità

In sostanza, il centro delle Bollinger Bands è una media di 20 semplici movimenti, cosi come le bands esterne anch’esse sono 2 medie di 20 semplici movimenti distanziate da 2 deviazioni standard dal centro. Questo significa che quando la volatilità è alta, le bands esterne sono più distanti dal centro, mentre sono più vicine quando la volatilità è bassa.

Come stabilito da Bollinger, le bands esterne contengono circa tra l’88 e l’89% del prezzo dell’azione. Un prezzo che può essere osservato al di fuori delle bands, quindi, segnala una volatilità molto evidente.

Le Bollinger Bands sono a portata di mano quando identifichiamo inversioni, la forza di un trend ed osserviamo un prezzo vicino a, o al di fuori, delle Bollinger Bands, come vedremo più avanti nell’articolo. Per ora devi capire che le bands misurano la volatilità e che i prezzi al di fuori sono rari e che possono inviare segnali molo importanti. Questo è vero specialmente per i trends.

Usare Bollinger Bands per identificare i punti più alti e quelli più bassi

Per farla semplice, possiamo dire che le Bollinger Bands possono essere utilizzate per trovare le divergenze di un prezzo e per marcare i punti più in alto e quelli più in basso.

3 passi per trovare un picco con le Bollinger Bands:

  1. Un movimento di trend di un prezzo si muove al di là della banda superiore
  2. Un ritorno verso il centro delle Bollinger Bands
  3. Un altro movimento verso l’alto (oltre a quello precedente) ma che non passi attraverso le Bollinger Bands.

Una Bollinger Band alta segnala un momento di perdita in un trend positivo. È importante ricordare che i closing prices sono più importanti quando si usano le Bollinger Bands per capire i segnali. Lo screenshot in fondo mostra proprio questo aspetto. Sul lato sinistro puoi vedere una Bollinger Band alta.

Al punto (3) puoi vedere che il prezzo sta crescendo molto e che le candles del prezzo passino attraverso la Bollinger Band, ma non è per niente vinco alla band. La Bollinger Band con questo segnale ci indica un momento di perdita e potrebbe segnalare un’inversione imminente molto pericolosa.

Sul lato destra invece, puoi vedere una divergenza MACD con il grafico dello stesso prezzo. Come abbiamo visto in un precedente articolo, anche una divergenza MACD segnala un momento di perdita perché indica un “high” molto alto, ma in questo caso il MACD segnala un “high” molto più basso.

La forza di un movimento di tranding di un prezzo

Per usare le Bollinger Bands per determinare quanto forte sia il movimento di un prezzo, dobbiamo ripetere quello che abbiamo imparato e cosa significa per il trend:

  1. Un prezzo vicino, o fuori le Bollinger Bands segnala un prezzo estremo perché non accade spesso.
    Quando il prezzo si muove al di fuori delle Bollinger Bands in un trend, mostra un forza estrema nel suo trend.
  2. I closing prices sono migliori dei mid-canldes price.
    Quando il prezzo si è stabilizzato definitivamente al di fuori delle Bollinger Bands in un trend, mostra ancora più forza.

Ora possiamo analizzare come usare le Bollinger Bands per identificare movimenti importanti dei prezzi con il grafico aggiornato del EUR/USD. Sul lato sinistro puoi vedere un grafico con solo le Bollinger Bands.

Come puoi vedere c’è un trend negativo molto importante ed il prezzo si muove lentamente vicino alle bands esterne alle Bollinger Bands ed anche se va al di là di volta in volta, per la maggior parte del tempo rimane entro i limiti della SMA centrale. Questo è un trend molto forte ed il modo in cui le Bollinger Bands ti aiutano ad identificarlo è quello di analizzare i seguenti punti:

  1. Il prezzo sta tra la SMA centrale e le band esterne
  2. Il prezzo sta sotto la SMA centrale e si muove molto vicino lungo le band esterne
  3. Il prezzo che chiude al di fuori delle bands esterne, questo è un altro segno di estrema forza. Chiudere al di fuori delle band esterne in un trend è un segno di grande forza.

Per vedere come le Bollinger Bands funzionano insieme ad altri indicatori, abbiamo stampato lo Stochastic indicator sullo stesso grafico che puoi vedere sul lato destro. Puoi vedere come lo Stochastic indicator e le Bollinger Bands possano essere utilizzate insieme:

  1. Mentre il prezzo si muove verso il basso vicino alle Bollinger Bands, lo Stochastic indicator sta andando giù ed addirittura mostra un oversold. Tieni bene a mente: Oversold non è un sinonimo di un cambio di tendenza. Oversold significa grandissima forza. Un po’ come muoversi lungo le band esterne
  2. Il prezzo smette di calare ed entra in un periodo variabile e ritorna persino nella SMA centrale alle Bollinger Bands. Allo stesso tempo lo Stochastic indicator segue questo andamento, confermando di fatto il movimento
  3. Subito dopo, il prezzo piuttosto che salire verso la Bollinger Band superiore, torna di nuovo giù. Quando il prezzo è uscito da un
    trend negativo molto importante e non tende a risalire verso la Bollinger Band superiore, è un sintomo che il prezzo continuerà a calare
  4. Lo Stochastic indicator conferma quanto detto, torna a calare ed entra lentamente in oversold dopo che il prezzo è tornato a calare vicino alle Bollinger Bands esterne e magari anche al di là di esse.

Conclusioni: le Bollinger Bands sono un’arma universale per molti aspetti del trading differenti

Le Bollinger Bands sono uno strumento importunate perché possono fare un a gran varietà di cose allo stesso tempo.
La ragione per cui riescono a farlo è perché sono molto vicine al prezzo corrente, consistono di tante cose differenti (una media sul movimento e una misurazione della deviazione standard) e possono essere combinate con differenti indicatori in modo estremamente semplice. Possiamo riassumere quelli che sono gli aspetti più importanti circa le Bollinger Bands nei seguenti punti:

  1. Una chiusura al di fuori delle Bollinger Bands mostra livelli di prezzo estremi
  2. Un prezzo che termina al di fuori delle Bollinger Bands esterne in un trend segnala una forza molto importante
  3. Le Bollinger Bands possono segnalare gli alti/bassi di un prezzo che possono indicare un possibile cambio di tendenza.