Trading indice EUROSTOXX 50: Valore, Andamento e Quotazione

Attualmente, grazie alle piattaforme di trading online, è possibile cimentarsi con le negoziazioni su vari mercati azionari. Nel gergo tecnico dei broker, i beni sui quali si effettuano le operazioni di compravendita prendono il nome di “asset”. Ve ne sono di molti tipi: azioni, titoli, beni di consumo, coppie valutarie e index. Qui ci soffermeremo nei dettagli su quest’ultima categoria, analizzando uno degli indici più popolari tra i trader del vecchio continente, EUROSTOXX 50.

Anzitutto, una breve definizione di questo tipo di asset: gli index, come suggerisce la parola stessa, sono degli indicatori che fanno riferimento ad un insieme specifico di titoli azionari, generalmente quotati nei mercati di un determinato paese (come nel caso del Nikkei 225, uno degli indici più importanti della Borsa di Tokyo) o di una macro-regione (come il caso degli indici europei). Di conseguenza, il variare della quotazione di un indice corrisponde all’andamento di più azioni, e questo a sua volta implica che, anche se una di queste dovesse ad esempio registrare un calo, il valore complessivo dell’index potrà essere comunque positivo se il resto dei titoli che compongono il paniere assumerà una direzione opposta.

Perché fare investimenti con EUROSTOXX 50

L’indice EUROSTOXX 50 che qui andiamo ad analizzare è uno dei più importanti punti di riferimento per valutare l’andamento economico dell’Eurozona. Le 50 società rappresentate sono infatti le più quotate nei mercati azionari italiani, francesi, tedeschi, spagnoli, lussemburghesi e olandesi. Inoltre, vi è inclusa un’unica azienda finlandese, la Nokia, che però esercita un forte impatto nel gruppo per via della sua grossa rilevanza nel settore delle telecomunicazioni.

Queste aziende operano in diversi ambiti: chimica, industria aerospaziale,  settore bancario, logistico e molti altri. L’indice è stato introdotto nei mercati nel 1998 ed è quotato alla Borsa di Francoforte. Sin dal suo esordio ha attirato sempre una forte liquidità, ed è per questo che viene associato anche a prodotti assicurativi di tipo index-linked, ossia investimenti che garantiscono delle rendite collegate all’andamento delle sue quotazioni.

Storia dei valori, andamento e quotazione dell’indice

L’andamento storico di EUROSTOXX 50 presenta delle caratteristiche di notevole interesse. Se monitorato dall’inizio del nuovo millennio (ossia dopo pochi anni dalla sua creazione) si può notare che il suo valore si attestava alla quota stellare di 4,700, quotazione che veniva però più che dimezzata in un arco di tempo di 24 mesi. Negli anni tra il 2004 ad il 2007 l’indice riprendeva quota, forte del periodo di congiuntura economica europea, posizionandosi su valori superiori ai 4,000.

Ma l’imprevisto era dietro l’angolo: con la crisi innescata dal fallimento di Lehman Brothers all’inizio del 2008, si registrava una brusca inversione di tendenza, con il minimo raggiunto nel febbraio 2009, quando la quotazione, per la prima volta nella sua storia, si posizionava addirittura sotto i 2000 punti. Chi aveva investito su EUROSTOXX 50, comprando i titoli o stipulando polizze index-linked, avrà patito un certo scoraggiamento a seguito di questo crollo, tuttavia quello era anche il momento di investire con posizioni lunghe o con l’acquisizione di prodotti legati a questo indice. Infatti, a partire dal 2011, si registrava una decisa ripresa verso quota 3,500 e oltre, che culminava con valori sopra i 3,800 nella primavera del 2015.

Proprio mentre alcuni analisti prospettavano una fase “toro” verso lo sfondamento di quota 4000,  lo spettro della Grexit ed il crollo estivo dei mercati azionari cinesi hanno interrotto il trend, ed ora il valore dell’indice si è attestato intorno a 3,400. La prospettiva è attualmente rialzista, anche se probabilmente occorrerà del tempo prima di toccare i massimi di 3,800 registrati nella prima metà dell’anno. In virtù della sua composizione, è evidente che una crescita economica dei paesi dell’Unione Europea, specie di quelli occidentali, porta con sé un rafforzamento del valore di questo indice.

Come fare trading online con l’indice EUROSTOXX 50

Grazie all’operatività delle piattaforme online, chi volesse operare con l’indice EUROSTOXX 50 potrà farlo senza dover ricorrere a lunghe procedure amministrative. Basterà infatti scegliere un buon broker di CFD o opzioni binarie, aprire un deposito iniziale ed iniziare a negoziare con il proprio computer comodamente seduti da casa.

Con i CFD, o contratti per differenza, si opera sul valore di un sottostante (nel nostro caso, l’indice EUROSTOXX 50) aprendo e chiudendo dei contratti e speculando sulla differenza di valore che ne consegue. In questo modo, non vi è alcuna necessità di acquistare e possedere dei prodotti finanziari legati all’indice, in quanto il profitto è generato nel solo periodo di validità del contratto stipulato con il broker.

>>> Grazie a Plus500 investire in CFD è facile e redditizio oltre che sicuro! Apri un conto, ricevi 25 euro di bonus e investi subito sull’indice EUROSTOXX 50.

Se decidiamo di usare le opzioni binarie, invece, dovremo semplicemente prevedere l’andamento del valore dell’indice entro una precisa scadenza. Impostando ad esempio un’opzione di tipo “alto”, con importo di 100 euro, rendimento del 75%, e scadenza di 60 secondi, potremo guadagnare 75 euro se l’indice EUROSTOXX 50 sarà più alto alla scadenza selezionata.  Si può notare in questo caso come sia possibile guadagnare degli importi interessanti in modo rapido e pratico.

>>> Il broker di opzioni binarie 24Option offre ai nuovi iscritti migliaia di euro di bonus in percentuale sul primo deposito. Clicca qui e investi subito!